Alla scoperta dei Pomodori San Marzano di Campania

Pomodori San Marzano

Il pomodoro San Marzano è chiamato il “Re dei pomodori” da quando lo disse lo scrittore Domenico Rea nel 1957. Viene coltivato in Campania. Si è fatto conoscere in tutto il mondo per il suo sapore unico e la sua polpa densa. Queste qualità lo rendono perfetto per fare sughi e salse particolarmente buone.

Oggi, il pomodoro San Marzano è famoso globalmente. Ha il marchio DOP a testimoniare la sua ottima qualità. Ma cosa lo rende diverso dagli altri? Che storie ha il suo percorso di crescita?

Punti chiave

  • Il pomodoro San Marzano è considerato il “Re dei pomodori” dal 1957.
  • Il suo gusto unico e la sua consistenza densa lo rendono ideale per sughi e salse.
  • Il San Marzano viene esportato in tutto il mondo con il marchio DOP.
  • Molti scrittori e personalità della cultura partenopea hanno raccontato affascinanti storie sul pomodoro.
  • Il San Marzano è diventato un’eccellenza enogastronomica campana.

L’Origine del Pomodoro San Marzano

Il pomodoro San Marzano viene dall’America Centrale ed è stato portato in Europa nel 1600. Si è inizialmente diffuso come pianta ornamentale in Spagna. Poi, i paesi del Mediterraneo hanno imparato a usarlo come cibo. Nel 1770, i primi semi sono stati portati in Campania come regalo per Ferdinando II.

Il Dono del Viceré del Perù a Ferdinando II

Ferdinando II fece piantare i semi tra Napoli e Salerno, a San Marzano sul Sarno. Questo luogo era perfetto per la crescita perché il suolo vulcanico era molto fertile.

Le Terre dell’Agro Nocerino Sarnese

Il San Marzano ha avuto inizio a Fiano, presso Nocera Inferiore e Sarno. Da queste zone si è poi spostato in varie altre parti rapidamente.

Pomodori San Marzano: Un’Eccellenza Campana

Il pomodoro San Marzano ha superato una crisis negli anni ’80. Adesso, è nuovamente importante. Questo grazie agli sforzi della Regione Campania e del Consorzio di Tutela. Questa varietà è considerata una eccellenza enogastronomica. È apprezzata ovunque.

Caratteristiche Uniche del San Marzano

Il San Marzano ha una forma sinuosa e irregolare. Il suo apice pronunciato gli dà un aspetto particolare. Questo, insieme all’alto contenuto di acqua e alla fibrosità, lo fa perfetto per ragù e altri sughi.

Coltivazione e Raccolta

Si coltiva principalemente nell’Agro Nocerino Sarnese. Il clima e il suolo vulcanico fanno da cornice ideale. Per questo, il San Marzano è molto ricercato in tutto il mondo.

Pomodori San Marzano

Pomodori San Marzano nell’Immaginario Culturale

Il pomodoro San Marzano è amatissimo nella cucina e nella cultura della Campania. Luciano De Crescenzo, figura nota di Napoli, descrisse il suo arrivo con un’affascinante metafora d’amore.

Luciano De Crescenzo e la Metafora d’Amore

De Crescenzo paragonava il basilico, portato a Napoli dai Greci, al pomodoro, noto come “pummarola” e proveniente dall’America, a due amanti. Diceva che si sarebbero uniti sotto il Vesuvio per creare la pizza. Questa, per lui, rappresentava la tavola dove i due si univano magicamente.

Il Successo dei Pomodori San Marzano

Alla fine dell’Ottocento, vennero scoperte le tecniche per conservare il cibo in scatola. Questo rese il pomodoro San Marzano ancora più prezioso. Veniva pelato, messo nel suo succo e conservato con pochi conservanti. Adesso, Napoli e Salerno erano i cuori industriali per trasformare questo prezioso ortaggio. Aziende come Cirio hanno reso celebre il pomodoro, influenzando generazioni di persone in queste regioni.

Dalla Lavorazione Artigianale alla DOP

Il pomodoro San Marzano è molto importante per l’Italia oggi. Purtroppo, c’è molta contraffazione, specialmente per le etichette DOP. Ma la sua importanza in cucina è innegabile. È perfetto per sughi gustosi e pizze classiche come la Margherita. Questo lo rende amato e ricercato in tutto il globo.

L’Impiego in Cucina: Sughi e Pizze Iconiche

Il pomodoro San Marzano è un vero tesoro in cucina per la sua versatilità. Da deliziosi sughi a pizze celebri come la Margherita, aggiunge sempre quel tocco speciale. Gourmet e amanti del cibo da ogni parte del mondo l’apprezzano profondamente. Non c’è da meravigliarsi, vista la sua qualità e storia.

Altre Varietà di Pomodori Campani

Come appassionato di pomodori italiani, sono affascinato dalla ricca geografia del pomodoro in Campania. Oltre al celebre pomodoro San Marzano, esistono altre varietà che vale la pena conoscere. Il Pomodoro Re Umberto, originario della Costiera Amalfitana, è considerato l’antenato del San Marzano e ha un gusto unico. Il Pomodorino del Piennolo, coltivato sul Monte Somma, è noto per i suoi grappoli di pomodorini “schiocche”.

Queste varietà fanno parte del patrimonio agricolo campano. Rappresentano la biodiversità e la qualità dei pomodori della regione. La Campania è famosa per i suoi eccellenti pomodori e altri prodotti deliziosi.

I pomodori campani offrono sapori originali. La diversità delle varietà in questa regione è una ricchezza da scoprire. Testimoniano l’incredibile patrimonio enogastronomico dell’Italia.

FAQ

Perché il pomodoro San Marzano è chiamato il “Re dei pomodori”?

Il pomodoro San Marzano ha guadagnato il titolo di “Re dei pomodori” nel 1957. Lo scrittore Domenico Rea lo descrisse così per via del suo sapore unico e della consistenza densa. Queste qualità lo fanno essere la scelta migliore per sughi e salse.

Da dove arriva il pomodoro San Marzano?

Il pomodoro arriva dall’America Centrale. È stato introdotto in Europa per la prima volta nel 1600. I primi semi sono giunti in Campania nel 1770, donati a Ferdinando II dal viceré del Perù.

Dove viene coltivato il pomodoro San Marzano?

Questo pomodoro è principalmente coltivato nell’Agro Nocerino Sarnese. Il clima e il suolo vulcanico rendono questo luogo perfetto per la sua coltivazione.

Quali sono le caratteristiche distintive del pomodoro San Marzano?

Ha una forma unica, sinuosa e irregolare. Al suo apice, ha un segno distintivo chiamato “pizzo”. Questo tipo di pomodoro è ottimo per i sughi a lunga cottura, come il ragù napoletano.

Come è avvenuto il rilancio del pomodoro San Marzano?

Negli anni ’80 il pomodoro San Marzano ha rischiato il declino. La Regione Campania ha iniziato azioni di recupero e conservazione. Oggi, con il supporto del Consorzio di Tutela, ha raggiunto successo globale.

Quali sono le altre varietà di pomodori tipici della Campania?

Nella Campania sono presenti varietà come il Pomodoro Re Umberto (Fiascone), dalla Costiera Amalfitana. E il Pomodorino del Piennolo DOP, che cresce sul Monte Somma.

Link alle fonti